Torna all'inizio
Login
Logo di OMiI
OMiI Archivio News 8 Gennaio 2010 IL MARCHIO DI ODONTOTECNICAMADEINITALY: FINALMENTE!!!!
IL MARCHIO DI ODONTOTECNICAMADEINITALY: FINALMENTE!!!!

Riprendiamo l'articolo sul Marchio di Odontotecnicamadeinitaly comparso nell'ultimo numero della rivista "Dental Labor".

L'articolo riprende parte del documento approvato dal  consiglio direttivo della Siced riunitosi nella sede sociale  il giorno 12 Dicembre 2009.

 

"Il marchio di odontotecnicamadeinitaly: ...finalmente!!!!!!"

 

L’idea del Marchio di Odontecnicamadeinitaly è nata dalla necessità di affermare la qualità del laboratorio odontotecnico italiano come strumento principale di garanzia per i dentisti ed i loro  pazienti.
Al medesimo tempo il marchio di garanzia di Odontotecnicamadeinitaly  si propone come strumento di promozione per quel laboratorio che decide  di aderire alle filosofia e ai requisiti richiesti dal marchio stesso.
La 93 /42, e la conseguente dichiarazione di conformità sul manufatto, “dovrebbero” garantire i requisiti dei materiali utilizzati per il  manufatto protesico, requisiti relativi all’uso secondo lo stato dell’arte dei materiali medesimi.
Questi requisiti, o standard, poiché riferiti essenzialmente a garantire il corretto uso dei materiali utilizzati nella costruzione protesica, risultano essere il minimo  garantibile nei confronti del dentista e del paziente.
Infatti, come sappiamo, gli standard relativi dichiarazione di conformità a  cui si riferisce la 93/42, possono essere facilmente raggiunti e dichiarati.
Per meglio comprenderci  facciamo due esempi tra loro contrapposti;  per motivi di tipo legislativo non essendo la zirconia per uso odontoiatrico pienamente classificata, accade che vi siano in commercio  zirconia  con caratteristiche enormemente  diverse dal punto di vista delle prestazioni nel cavo orale.
Si può immaginare un laboratorio che utilizzi una zirconia (marcata CE)  ma di dubbia fabbricazione e provenienza che ha come sua caratteristica negativa di essere corrodibile in bocca.
Questo laboratorio se usa secondo le istruzioni del fabbricante quel materiale  non ha problemi; il problema arriverà dopo per il paziente,  ma la normativa non precisa in modo completo le prestazioni previste per la zirconia dentale sul mercato, conseguentemente è possibile
trovare di tutto e di più.
Capita anche che la normativa in campo odontoiatrico sul prodotto specifico talvolta  rimanga invece ancorata al passato: un esempio sono le resine a freddo per ribasatura di dimetilmetacrilato.
Un gran numero di queste resine ancorché certificate  hanno la caratteristiche del lento rilascio della componente monomero, rilascio quantificato come non dannoso 15 anni fa,  ma che oggi solleva sempre maggiori dubbi.
Secondo noi dunque l’utilizzo di un prodotto marcato CE, anche seguendo alla perfezione le istruzioni  d’uso del fabbricante, non rappresenta una garanzia sufficiente per il paziente poiché spesso esistono categorie di prodotti non ancora pienamente indagati e prodotti indagati secondo metodiche di indagine di un passato ormai  remoto e per ultimo, vedendo prodotti provenienti da paesi extraeuropei di dubbia qualità, viene quasi da
pensare che in fondo una marcatura CE non la si nega a nessuno.
Per quest’ordine di motivi il marchio di Odontotecnicamadeinitaly ha ritenuto di superare i soli criteri legati alla 93/42.
Su questo terreno di garanzia riferito al materiale spetterà in futuro alle associazioni di lavorare per garantirne ed  adeguarne parametri, noi invece riteniamo che il marchio di Odontotecnicamadeinitaly debba saper guardare più in là, con la responsabilità di chi si sente parte fondamentale di un servizio utile al cittadino.
Oltre alla garanzia sul materiale impiegato occorre  garantire  il paziente sulla metodologia costruttiva e sull’uso del massimo livello tecnologico intrinseco al prodotto.
Come sappiamo tutte le protesi confezionate dai laboratori sono realizzate con materiali marcati CE, anche le protesi importate dalla Cina o da altri paesi sono marcati CE, ma le conformità riferite a quei prodotti non permettono di riconoscerne la provenienza e nemmeno l’effettiva qualità.
Per questa ragione vorremmo che il marchio ed i suoi aderenti assumessero una diversa posizione e responsabilità rispetto
alla garanzia offerta ai pazienti ed ai dentisti: una posizione che miri a fissare standard produttivi di qualità nella  collaborazione fra dentista e odontotecnico e conseguentemente nella  prestazione complessiva e che fissino in tal senso un concetto di garanzia da assolvere verso il dentista ed il paziente.
Non si tratta insomma di raggiungere cime professionali riservate a pochissimi laboratori e a pochissimi odontotecnici, bensì di assumere una capacità produttiva costantemente tesa a posizionare il prodotto costruito dal laboratorio come prodotto di una catena progettuale ed ideativa
che coinvolga l’odontotecnico titolare in prima persona. Il marchio diventa così uno strumento di garanzia  estremamente importante per quel laboratorio che investe sulla qualità e che vuole distinguersi e affermarsi su questo terreno.

Diventa anche uno strumento di differenziazione e di affidabilità per i dentisti che a loro  volta vogliano distinguersi e farsi riconoscere per il loro livello
professionale, testimoniato in questo caso dall’alto livello collaborativo dei loro fornitori protesici e dei loro
collaboratori.
L’idea del marchio è quindi quella di far assumere al laboratorio un ruolo più centrale su tutto ciò che gira intorno alla protesi.
In un momento come l’attuale dove tanti soggetti cercano di appropriarsi del settore  protesico: dai clinici, all’industria, dai centri fresaggio non iscritti al ministero, fino ai laboratori esteri, noi vogliamo che l’odontotecnica italiana rafforzi la sua posizione nell’universo protesico, per la precisa ragione che solo un’odontotecnica di alta affidabilità è in grado di garantire un prodotto protesico con standard elevati, un prodotto su misura che non potrà mai essere garantito dall’industria, proprio perché abituata a lavorare su prodotti in serie, né dal solo clinico, perché un clinico da solo, senza la collaborazione con un buon laboratorio odontotecnico non può garantire un risultato  di contenuto tecnologico elevato.
Solo il laboratorio odontotecnico qualificato è in grado di conoscere non i soli materiali, ma tutto ciò che è necessario per la realizzazione di un manufatto su misura ideale per il paziente sia dal punto di vista funzionale  che dal punto di vista della durata e dal punto di vista estetico.
Possiamo affermare senza paura di essere smentiti che le conoscenze dei laboratori operanti nella direzione  della costruzione di protesi a contenuto tecnologico elevato comprendono buona parte delle maggiori conoscenze cliniche relative alle protesi, come pure gli studi di livello sono in possesso di buona parte delle conoscenze che appartengono al laboratorio. In questo connubio virtuoso si realizza l’eccellenza della protesi made in Italy.
Certamente come marchio odontotecnico noi possiamo prenderci la responsabilità di quella parte del team  odontoprotesico che ci compete, ma pensiamo di poter innescare un circolo virtuoso che potrà essere di beneficio anche all’altra parte del team e senz’altro ai pazienti.  

Che cosa può garantire allora il marchio di Odontotecnicamadeinitaly?


Per prima cosa che i manufatti prodotti e garantiti dal laboratorio iscritto al marchio sono realizzati in tutte  le loro fasi, quindi compresi anche i semi-lavorati, in Italia, e già questo, vista la situazione attuale del mercato, non è poco.


Di per sé fornisce una grossa garanzia di fronte a protesi prodotte in parte o completamente all’estero.
In presenza di una campagna complessiva che vede impegnato l’intero sistema paese sul pressante pericolo della scarsa qualità dei prodotti importati da alcuni paesi, e perciò anche sulla scarsa qualità delle protesi prodotte completamente o in parte all’estero, il nostro marchio diventa anche  un importante strumento di marketing non solo per il laboratorio, ma anche per lo studio
che si serve da quel laboratorio.


In secondo luogo i laboratori iscritti al marchio sono laboratori che si impegnano sul piano  della formazione continua e anche questo è un fattore di garanzia della qualità dei manufatti  prodotti da un laboratorio iscritto ad Odontotecnicamadeinitaly.

Terza cosa, determinante per la garanzia di prodotti di eccellenza, saranno i procedurali  di Odontotecnicamadeinitaly. 
Una commissione ci sta lavorando da tempo; verranno completati entro la fine di quest’anno  e verranno pubblicati sul prossimo numero di Dental Labor, almeno nelle loro linee guida principali.
Come saranno strutturati questi protocolli di lavoro?
Punto fondamentale e qualificante dei protocolli di lavorazione del marchio è la fase di progettazione e ideazione del manufatto, dove il laboratorio si assume la responsabilità del manufatto in quanto fabbricante, così come previsto dalla 93/42, ma tale assunzione di responsabilità si evidenzia
ulteriormente nella misura in cui si concretizzino con lo studio odontoiatrico le linee guida  dei procedurali di Odontotecnicamadeinitaly.
Abbiamo potuto constatare che sebbene apparentemente queste procedure appaiano più  costose in termini di tempo e di impegno in realtà i laboratori e gli studi che le applicano hanno contestazioni ZERO e necessità bassissime  di rifare o correggere i lavori, con dei risultati
economicamente positivi a medio e lungo termine.
Se vogliamo dare dignità e prestigio alla professione dell’odontotecnico, indipendentemente  dall’auspicabile approvazione del profilo, dobbiamo far sì che il laboratorio  produca, o almeno si proponga, entrando in modo complessivo a far parte della prestazione odontoprotesica.
Il marchio di Odontotecnicamadeinitaly renderà pubblici e riconosciuti i procedurali di produzione.
Il laboratorio è quindi disponibile ad assumersi le sue responsabilità come fabbricante quando  lo studio segue, in fase di ideazione e progettazione, le sue indicazioni morfologiche e funzionali, con la relativa scelta dei materiali.
Il laboratorio indica i rischi che possono sopravvenire in caso del mancato rispetto dei protocolli ed in caso di scelte diverse da quelle consigliate, nel qual caso sarà responsabile solo della buona esecuzione del manufatto, ma non della sua collocazione morfologica e funzionale e nemmeno della durata.
Anche in questo caso le potenzialità di marketing di questa operazione sono grandi, sia rispetto  ai cittadini/pazienti che vengono invitati a richiedere un laboratorio di Odontotecnicamadeinitaly,  sia nei confronti di quegli odontoiatri che vogliono, se non altro, evitare tutti i guai derivanti da contestazioni per lavori mal riusciti, o auspicabilmente, perché vogliono operare con elevati standard di qualità.


In questa ottica i protocolli di Odontotecnicamadeinitaly sono molto semplici e privi di tutti  quei passaggi presenti in molti dei protocolli esistenti, che li fanno assomigliare più che altro ad istruzioni e procedure di qualche attrezzatura per laboratorio; sono basati su quei punti  chiave di qualità che fanno la differenza fra un lavoro eseguito a regola d’arte ed un lavoro scadente, proprio come viene insegnato nei corsi Siced.

Se prendiamo ad esempio una corona in ceramica su un solo dente distinguiamo tre fasi:

1) PROGETTAZIONE TECNICA  che a sua volta si divide in:
a) Progettazione morfologica
b) Progettazione funzionale
Tutta la gestione di questa fase è concretizzata nella realizzazione della ceratura diagnostica.


2) IDEAZIONE  che a sua volta si divide in:
a) Ideazione diagnostica
b) Ideazione operativa
Tutta la gestione di questa fase è concretizzata nella realizzazione del provvisorio in prelimatura.




3) ESECUZIONE
Impronte, modelli, monconi, cera, fusione, finitura fusione, trattamenti termici, ossidi, stratificazione, lucidatura manuale, controlli e consegna.
Con questa impostazione si viene ad affermare il principio di una qualità di intervento nel lavoro sul piano della PROGETTUALITA’ IDEATIVA realizzato in modo cooperativo con lo studio dentistico.
Questo significa che l’odontotecnico mantiene la propria responsabilità di fabbricante,  così come prevedono le norme europee, nella misura in cui è in grado di sfruttare  al massimo le sue conoscenze protesiche, in primis per ciò che concerne i materiali  da utilizzare e le procedure esecutive più consone in base alle risultanze della fase  progettuale e della fase ideativa.
E’ in grado quindi di esprimere il proprio parere tecnico in modo preventivo per l’esecuzione protesica in un rapporto di proficua collaborazione con il clinico, in particolare su:

Quantità di superficie di limatura
Morfologia emergente
Posizionamento del finish line
Eventuale programmazione di denti da devitalizzare
Eventuale trattamento  del tessuto paradentale
Materiale per la cementazione

Il marchio di Odontotecnicamadeinitaly si pone in una prospettiva molto più ampia di  quella prevista da un semplice protocollo di lavorazione, cercando di ampliare il ruolo  dell’odontotecnico all’interno dell’intervento riabilitativo protesico passando dalla prescrizione
(che non è la progettazione clinica) alla consegna del manufatto finito.
All’interno di tale processo è prevista la realizzazione del provvisorio o della ceratura  obbligatoria; questi passaggi non vengono intesi più come una lavorazione a sé stante come previsto attualmente nella documentazione della 93/42, ma ma come una lavorazione parte integrante
della produzione del manufatto definitivo.

Per i  laboratori che aderiranno al marchio sarà semplice dimostrare alle apposite  commissioni di controllo  di aver applicate le procedure previste.

Ecco quindi riassunte qui le quattro caratteristiche odontotecniche  fondamentali  dei laboratori di Odontotecnicamadeinitaly:

Produzione in Italia delle protesi e dei semilavorati.
I protocolli a 360° dalla progettazione alla consegna.
Impegno sul piano della formazione continua.
Disponibilità a fare parte della commissione di verifica.


Quattro gradi di garanzia di standard produttivi di elevato contenuto qualitativo e quattro buoni  strumenti di marketing nei confronti dei cittadini e nei confronti dei clinici.
E’ già possibile richiedere i procedurali e sottoscrivere l’adesione al marchio di Odontotecnicamadeinitaly.
Il presente documento è stato approvato all’ultimo consiglio direttivo Siced.

 


 
Commenta questa news
Condividi Condividi su Facebook Condividi su del.icio.us Condividi su Twitter Condividi su Live.com Condividi su Myspace
 
Non è ancora stato pubblicato alcun commento per questa news!
XHTML 1.1 Valid CSS 2.1 Valid RSS Feed RSS Feed